Il tuo browser non supporta Javascript

Torre dello Ziro

CAI 351b

 

Percorso: Pontone(Scala) Chiesa di Santa Maria  - Torre dello Ziro (Scala)

Percorrenza

1 ora, in parte in ombra, di facile accesso, da 250 m slm a 100 m slm, panorama straordinario dalla Torre dello Ziro, parete attrezzata per free kimpling.

Come raggiungere il sentiero

Il percorso parte da Pontone ed esattamente da Via Pisacane, che è la scala che si incontra sulla sinistra della carrabile con provenienza da Ravello, all'altezza della Chiesa di Santa Maria del Carmine. Ci si arriva anche con i bus SITA della linea Amalfi-Ravello che passano per Pontone.

Descrizione
Il percorso consente la visita del comprensorio di Torre dello Ziro, dove c’era una delle città fortificate del Ducato di Amalfi, denominata Castrum Scalelle. Il percorso parte dall’incrocio tra Via Pisacane e Via Fiume (m 240), dove passa anche il 351 CAI. Da detto incrocio si prosegue in direzione sud per prendere la scala che conduce alla porta di ingresso della città fortificata. Giunti in detta area, si svolta a destra per intraprendere la ripida scala che conduce fino ai ruderi del castello. Di lì si prosegue sempre in direzione sud. A quota 264 m si incontra una breve deviazione che porta ad un belvedere molto panoramico sulle città di Amalfi, Atrani e sulla Torre dello Ziro. Si ritorna sul sentiero principale e si scende fino a quota 135 m, dove si ha la possibilità di ammirare da vicino questa torre, risalente al XV sec. La leggenda narra che in detta torre fu lasciata morire nel 1510 Giovanna D’Aragona con i suoi due figli, per volere di suo fratello, il Cardinale Luigi, il quale pose così fine al disonore derivante dal fatto che la sorella, vedova del Duca di Piccolomini, nipote di Papa Pio III, si era sposata clandestinamente con il maggiordomo di corte, tal Antonio Bologna. Dopo la visita alla Torre dello Ziro, per far rientro al punto di partenza si può anche percorrere il sentiero più basso, a quota 230 m circa.