Il tuo browser non supporta Javascript

IL SISTEMA DI COLTIVAZIONE

Le condizioni ambientali e la coltura sono quelle tradizionali della zona, con vigneti ben esposti al sole e un’altitudine non superiore ai 650 metri sul livello del mare.

I sesti d’impianto, le forme di allevamento, a controspalliera e a pergola, sono imposti dall'orografia e dall'ampiezza dei terrazzamenti, i sistemi di potatura, a garanzia delle qualità,  sono corti, con un basso carico di gemme per ceppo e per ettaro. Nei nuovi impianti la densità non è inferiore alle 1600 viti per ettaro, con una produzione massima per ceppo, in media non superiore ai 6 kg per i tipi rosso e rosato, e di 7 kg per il tipo bianco. La resa massima di uva per ettaro di vigneto non deve essere superiore ai 110 q.li per i tipi rosso e rosato e q.li 120 per il tipo bianco. Tale resa per ettaro per i vini Costa d’Amalfi designati con i nomi delle sottozone Furore, Ravello e Tramonti non deve essere superiore ai q.li 90 per il rosso e rosato e q.li 120 per il tipo bianco.